CASA ANDREA | appartamento a Torino, Italia, 100 mq – 2007

progetto di Andrea Marcante

Collaboratori: Shinobu Hashimoto

Fotografie: Max Zambelli/Carola Ripamonti

 

—–

Progetto:

Gli spazi sono scanditi dalla luce, ogni elemento finalizzato alla contemplazione: gli arredi vogliono avere una vocazione trascendente la realtà quotidiana. Un perimetro di alte piante, accortamente illuminate di notte, protegge esternamente l’appartamento, creando un fondale su cui si inseriscono gli elementi architettonici quasi invisibili. La scelta è quella di giocare con i contrasti, bianco e nero, giorno e notte, naturalità e artificialità: la luce dilaga, esaltata dal bianco del soffitto e delle pareti, il buio penetra filtrato dall’elemento naturale, assorbito dal parquet originale tinto di nero. L’ispirazione è orientale, la composizione dei dettagli precisa e accurata ma semplice, nello spirito dell’arte giapponese dell’Ikebana. Un percorso di statue e di realizzazioni del proprietario, memoria di tanti viaggi nel continente africano e asiatico, si snoda in primo piano raccontando di  altre dimensioni e dialogando con gli unici elementi colorati presenti, i libri e i cd, raccolti impilati, compattati eppure sospesi nei raccoglitori disegnati per Pallucco. Il montaggio architettonico si svela in seconda istanza, percepibile nelle controsoffittature. Una casa che cerca la rarefazione sensoriale attraverso il controllo dei sensi, uno spazio contemplativo, dove ogni elemento può essere sia spunto di leggerezza che di riflessione: un quasi non luogo concepito come ritiro dal contesto urbano.