FONCTION ET FANTASIE | appartamento a Torino, Italia, 100mq – 2014

Progetto di:  Andrea Marcante, Carola Ripamonti
Collaboratori: Eirini Giannakopoulou
Fotografo: Carola Ripamonti

—–

Il progetto riguarda una ristrutturazione di appartamento di 100 mq sito al 3 piano di un immobile degli anni 60 nel quartiere residenziale della “Crocetta” a Torino.

L’intervento ha, dal punto di vista fuori funzionale, rivisto completamente la distribuzione in pianta della casa minimizzando gli spazi di distribuzione al fine di soddisfare le esigenze di un nucleo famigliare composto da 2 adulti e 2 bambini di 1 e 4 anni: l’appartamento è stato quindi diviso in 3 aree distinte: una parte più privata per la coppia con camera da letto, bagno e corridoio vestiaire, una parte più pubblica composta da ingresso e soggiorno e infine la parte più utilizzata nella quotidianità composta da cucina, bagno, lavanderia e camera bimbi (in diretta connessione visiva con la cucina come espressamente chiesto dai proprietari).

Dare una risposta alle esigenze più di carattere emotivo è stata sicuramente la sfida più difficile e stimolante e, come sempre accade in un progetto legato all’abitare, il raggiungimento di questo obiettivo è ciò che realmente può dare un nuovo confort all’ abitante.

Una casa che cerca quindi armonia tra dimensioni opposte come rassicurante esempio di ciò che normalmente ogni essere umano cerca costantemente di fare ogni giorno con se stesso: una casa ludica ma al tempo stesso molto seria, una casa delicata ma “maschile” nella sua rigorosa distribuzione spaziale e ancora una casa cosmopolita ma anche rustica allo stesso tempo.

Molti gli arredi su disegno per contenere ma anche allargare le prospettive, arredi che come il lettino della camera bimbi (della collezione “Cose da Bocia” di Andrea Marcante ed Adelaide Testa) sono capaci di rappresentare il punto di incontro tra il mondo degli adulti e quello dei bambini attraverso una ludicità un po’ misteriosa o come oggetti quali i libri che diventano funzionali a “decorare” le pareti come tappeti verticali in continuo mutamento.